Seleziona una pagina
Teatro popolare nell’ex-Abbazia di San Remigio

Teatro popolare nell’ex-Abbazia di San Remigio

 

 

Secondo appuntamento nell’ex-Abbazia di San Remigio a Parodi Ligure, per la mini rassegna

“Teatro in Abbazia” – Quattro appuntamenti con il Teatro popolare

Venerdì 29 Giugno alle ore 21

La compagnia  7A7ambre ci propone lo spettacolo:

SUITE 719 

REGIA DI SIMONETTA GUARINO 

 Sul palco prendono vita tre storie che hanno come sfondo comune la suite del famoso Hotel Plaza di New York. Tre storie legate a tre coppie esemplari ed emblematiche.

La prima vicenda concede spazio a una trattazione psicologica arguta e venata di amarezza in cui moglie e marito mettono a nudo i propri sentimenti, fra incomprensioni, confessioni, sospetti e bugie, in una scoppiettante baruffa scandita da tempi comici di assoluta eccellenza.

La seconda presenta ancora un duetto irresistibile, che dialogando tra se con intelligente ironia, crea un deciso corteggiamento, tra goffi avvicinamenti e simpatiche respinte.

Nell’ultima si assiste ad una gara di gesti ed esilaranti battute tra lui e lei durante i minuti che precedono il matrimonio della propria figlia, chiusa in bagno, che si riveleranno disastrose.  Durata : 90’

AUTORE       MARIO VIOLETTA

Scenografie di Mario Pistone 

con

Anna Alluto       Roberto Altare         Sara Valerio          Mario Violetta

La scorsa settimana nell’occasione dell’inaugurazione e quindi primo appuntamento della rassegna, ci siamo emozionati e molto divertiti ad assistere al tributo a Franca Rame e Dario Fo.

L’esuberante Simonetta Guarino con il bravissimo Mauro Bozzini hanno interpretato una divertente e intelligente parodia delle dinamiche di coppia, sottolineando con ironia molti aspetti e problematiche culturali e psicologiche dei tempi di oggi.

Il pubblico che era presente pare aver decisamente gradito questa piacevolissima serata, nello scenario unico dell’Abbazia sconsacrata.

Un ottimo esempio di come sia possibile, valorizzare uno dei tesori di questo territorio.

Ex-Abbazia San Remigio Tributo a Franca Rame e Dario Fo

Ex-Abbazia San Remigio Tributo a Franca Rame e Dario Fo

Teatro popolare a San Remigio – Tributo a Franca Rame e Dario Fo

Si è inaugurata questa sera, 22 Giugno, nello scenario unico dell’ex-Abbazia di San Remigio, la mini rassegna sperimentale teatrale “Teatro in Abbazia – Quattro appuntamenti con il Teatro popolare”.

Ideazione e direzione artistica di Simonetta Guarino che, con il co-protagonista e marito Mauro Bozzini, hanno inscenato un bellissimo tributo agli indimenticabili Franca Rame e Dario Fo.

Nei loro testi, Franca Rame e Dario Fo ci parlano della vita di coppia con ironia e con disincantato affetto, proprio come una vecchia coppia il cui amore è ormai inossidabile alle intemperie del Tempo. Per Franca e Dario la vera protagonista della battaglia di coppia è la donna che, come un’amazzone indomita, affronta le scosse telluriche matrimoniali e il narcisismo maschile, con l’intelligenza, la resistenza e il coraggio di una vera combattente.

Il loro modo di parlare della coppia (e probabilmente di loro stessi ndr) è esilarante; perchè in  esso ci riconosciamo, così come riconosciamo le fragilità e i tentativi che reiteriamo testardamente per continuare a passeggiare mano nella mano, in mezzo ai conflitti di coppia, sino alla prossima inevitabile mina, e poi ad un’altra e poi ancora avanti…con una irresistibile voglia di ridere di se stessi e dell’amore, senza però mai smettere di seguire la grande forza che fa girare il Mondo

Così esordisce Mauro Bozzini all’inizio dello spettacolo, regalatoci questa sera.

Poi, un susseguirsi di risate, scenate e battute geniali ed irresistibili che hanno coinvolto gli spettatori a ragionare su se stessi, come il vero teatro sa fare.

Allora GRAZIE! a Simonetta Guarino e a Mauro Bozzini, attori professionisti, ma che nell’ ex-Abbazia di San Remigio si sono sposati per davvero ed hanno amato il luogo da subito ed intuito il potenziale che avrebbe potuto e dovuto avere.

Il prossimo appuntamento sarà per Venerdì 29 Giugno, sempre alle ore 21 con la COMPAGNIA 7A7mbre e lo spettacolo “SUITE 719”, sempre con la regia di Simonetta Guarino…..la trama nel prossimo articolo!

SOS La Sereta

SOS La Sereta

Nei giorni di GENNAIO  12/13/14 l’Agriturismo “La Sereta “ sita nei pressi di Fraconalto (AL), chiama a raccolta tutti i volontari disponibili ad aiutare Barbara e Roberto Pisani a riaprire alcune strade e sentieri ad oggi ancora impraticabili dopo i noti danni del “gelicidio” dell’11 dicembre scorso, e mettono a disposizione la loro già provata ospitalità con “cibo condiviso”  ed eventuale pernottamento gratuito per quanti si renderanno  disponibili ad aiutare.

I danni alle strade principali sono stati subito sanati ma rimangono ad oggi ancora impraticabili diversi sentieri secondari ma ugualmente molto utilizzati.

In particolare:

Il tratto che va da Fraconalto alla Sereta, chiamata strada di San Rocco, segnato da due triangoli gialli (che in parte si sovrappone al percorso tracciato dagli Amici della Via Postumia)

Il tratto che va verso la Castagnola.

Il tratto da S Rocco alla Bocchetta.

Chiunque voglia partecipare può dare la sua adesione, telefonando al numero: 349 5826357.

Bosio nel Biodistretto del Suol d’Aleramo

Bosio nel Biodistretto del Suol d’Aleramo

Bosio nel Biodistretto del Suol D’Aleramo.

Il 13 Ottobre 2017, Bosio (e tutti gli otto comuni dell’Unione Montana “dal Tobbio al Colma”) ha formalmente completato il percorso di adesione al BIO DISTRETTO del SUOL D’ALERAMO.

Ma di che cosa si tratta? E’ un territorio dell’Appennino piemontese che ha scelto l’obiettivo del “ben vivere”, della tutela della salute degli esseri viventi intesa come benessere fisico, psichico e sociale, affinchè nel proprio territorio tutti gli esseri viventi siano felici.

Bel progetto, vero?

Il Biodistretto Suol D’Aleramo era il sogno nel cassetto del poeta locale dell’Acquese, nonché pubblico amministratore Giampiero Nani ed è nato per iniziativa della Comunità montana e di diversi Comuni. In seguito hanno aderito imprese ed associazioni delle zone interessate.

In pratica, in un territorio in gran parte ancora incontaminato, sono stati individuati alcuni punti di forza: l’agricoltura sostenibile (biologica e naturale), la tutela dell’ambiente e del paesaggio, la cultura locale, il turismo dolce e di qualità; quali leve per uno sviluppo umano ed economico compatibile.

Bosio si impegna quindi a rispettare ed a mettere in pratica, il CODICE ETICO BIOLOGICO, una sorta di Carta Costituzionale dove sono contenuti i punti principali ai quali, in futuro, tutti gli aderenti dovranno uniformarsi affinchè il Suol D’Aleramo resti BIO, cioè rispettoso di tutti gli esseri viventi che lo popolano.

E questo certo, anche il desiderio di tutti noi!

Ah! Per i più curiosi, come me, sarà interessante vedersi il corto documentario realizzato per conoscere la storia del Consorzio e per conoscere meglio Aleramo, antico tenutario feudale di questi territori e ispiratore del progetto.

 

 

Passeggiata ai Nebbioli

Passeggiata ai Nebbioli

Passeggiata ai Nebbioli

Una piacevole passeggiata che parte dalla Serra di Bosio, passa da Cadimassa e arriva ai Nebbioli. Poi su fino al bellissimo e panoramico spiazzo del Santuario della Madonna della Guardia di Gavi.

In poco meno di due ore si percorrono strade poco conosciute, in mezzo ai vigneti e ai boschi degli immediati dintorni. Arrivati ai Nebbioli, una ripida salita ci conduce al Santuario e da lì, si può godere di uno degli scorci più panoramici sulla nostra bella valle.

Un bel pomeriggio a costo zero!